Monografie Ronnie James Dio

Ronnie James Dio, l’ex cantante Elf, Rainbow e Black Sabbath, che spesso rivendicava credito per aver inventato il gesto della mano principale del metallo, le corna del diavolo, è morto all’età di 67 anni, secondo una dichiarazione di sua moglie e manager Wendy Dio. Il maestro Holy Diver ha rivelato lo scorso autunno che gli erano stati diagnosticati i primi stadi del cancro allo stomaco. Era stato sottoposto a trattamento immediato presso la Mayo Clinic.

Oggi il mio cuore è spezzato“, ha scritto Wendy in un messaggio sul sito ufficiale di Dio. Ha detto che Ronnie è passato poco prima delle 8 di oggi. “Molti, molti amici e parenti sono stati in grado di dire addio prima che morisse pacificamente. Apprezziamo tanto l’amore e il sostegno che ci avete donato. Vi preghiamo di darci qualche giorno di privacy per affrontare questa terribile perdita. so che ti ha amato tutti e la sua musica vivrà per sempre. ”
Dio, che era noto per il suo alto falsetto, la sua presenza imponente e il lirismo mitico, fu costretto a cancellare un tour europeo subito dopo aver fatto l’annuncio sulla sua salute. Nei messaggi online ai fan, ha espresso la sua determinazione a prendere a calci la malattia fatale, la seconda causa più comune di morte per cancro in tutto il mondo. Aveva recentemente subito il suo settimo trattamento di chemioterapia e sperava di tornare presto sul palco. Heaven and Hell è stato costretto a cancellare il loro tour estivo all’inizio di questo mese.
Sebbene sia meglio conosciuto come il sostituto dei Black Sabbath di Ozzy Osbourne, Dio è salito alla ribalta durante gli anni ’70 con Rainbow, l’influente troupe metal con il chitarrista dei Deep Purple Ritchie Blackmore. Ha preso il posto di Ozzy dietro la postazione del microfono Sabbath nel 1980. Ha registrato e pubblicato Heaven and Hell con Sabbath, un LP che è ampiamente considerato uno dei momenti determinanti del genere.
Ha formato una band solista per tenerlo impegnato tra il suo tempo con i Black Sabbath e ha avuto un notevole successo con canzoni come “Rainbow in the Dark” e “The Last in Line“. Tenacious D ha scritto una canzone tributo intitolata “Dio” al cantante dagli occhi spalancati, che appare nel debutto omonimo del gruppo.
La notizia della morte di Dio è stata accolta da un’ondata di dolore da parte della comunità metal, che dall’inizio del 2010 ha perso due grandi personaggi: il batterista Avenged Sevenfold James “The Rev” Sullivan e il frontman dei Type O Negative Peter Steele.
“Ronnie era un vero leader dell’heavy metal … un’icona e un visionario”, ha detto Glenn Hughes dei Deep Purple e dei Black Sabbath. “Non ce ne sarà mai un altro come lui. Ronnie mi ha dato saggezza e mi ha mostrato grande compassione quando era in Elf, tutti quegli anni fa, quando eravamo in tour insieme nel mio tempo in Deep Purple. Era un’anima bellissima, gentile , premuroso e un insegnante meraviglioso. ”
“Con la possibile eccezione di Rob Halford, Ronnie James Dio ha avuto la voce più definitiva del metal di qualsiasi cantante a cui possa pensare”, Chuck Klosterman, l’autore di Fargo Rock City, racconta a Rolling Stone. “Chiunque cerchi di fare caricature nel canto heavy metal, in realtà sta solo facendo un io

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *